Elogio della corsa lenta - Da 0 a 42 - Il mio podcast sul running

A volte chi corre piano viene guardato male. O forse è egli stesso a vergognarsi perché sorpassato da tutti.Ma la verità è che la corsa lenta è fondamentale. Sia per migliorare, ma secondo me anche per stare bene e per vivere al meglio il running. Ed è un discorso che vale sia per i principianti che per i più esperti.Quando non riesco a correre al mattino, spesso corro al tardo pomeriggio e faccio un paio di percorsi circolari.Troppo spesso trovo dei novizi che corrono pochi minuti velocemente e poi scoppiano. Non voglio giudicare e non so la loro situazione. Ma l'impressione che ho è che non abbiano compreso cosa sia la corsa lenta.Ok, non voglio generalizzare: ci sarà sicuramente qualcuno di loro che sa cosa sta facendo. Magari alternano coscientemente corsa e camminata.Ma onestamente, credo che molti non abbiano questo approccio.Molti escono a correre perché devono farlo: prova costume imminente, sensi di colpa, ecc...Per loro la corsa diventa una fatica enorme, uno sforzo eccessivo, che termina giocoforza nel giro di pochi minuti. Non arrivano al cosiddetto "Sballo del corridore", che magari sarà argomento di una puntata in futuro.Così non riescono ad amare la corsa e, salvo poche eccezioni, la abbandonano dopo poco.Se ci fosse all'ascolto qualche rookie della corsa lo invito a correre pianissimo, ignorando gli altri, che sorpassano e ignorando l'orologio o più probabilmente l'app che stanno usando.Correndo piano imparerete ad amare questo sport. E non vuol dire che non si migliorerà. Anzi!La corsa lenta è relativamente facile ed immediata nella sua esecuzione non richiede molta fatica. E’anche un ottimo modo per perdere peso.Ma il discorso è applicabile anche per i runner più evoluti.Se si vogliono fare tanti km occorre che la maggior parte di essi sia fatto proprio di corsa lenta.Ne parlavo in una recente puntata: il 70/80% dei km settimanali devono essere corsi lentamente.Invece, ci sono troppe persone che fanno solo corsa a ritmo medio. I miglioramenti in questo caso saranno molto più lenti, perché il nostro corpo ha bisogno di stimoli sempre differenti.Non è possibile puntare ad una maratona, ma anche ad una mezza, senza un bel po' di corsa lenta.E i miglioramenti anche in termini di performance arriveranno, fidatevi. Perché, come dicevo, la quantità porta alla qualità.E poi la corsa lenta è bellissima!Ti permette di goderti la corsa appieno, guardandoti attorno, ammirando il panorama, pensando ai fatti tuoi.Se è da un po' che corri, una corsa di 8/9/10 km a ritmo blando non ti mette in affanno.Sei ampiamente nella tua zona di comfort.E puoi davvero rilassarti e goderti il momento, il tuo momento, come meglio credi.È una cosa che personalmente non riesco a fare durante un lavoro di qualità, come le ripetute.Ovviamente non sto dicendo che basti la corsa lenta per migliorare. Tolte le prime settimane in cui si inizia a correre, la corsa lenta da sola non basta. E se si vogliono avere ambizioni, anche piccole, i lavori specifici vanno svolti.E se il motivo mentale/filosofico non vi avesse convinti, vi elenco tutti i vantaggi del correre piano, del fare fondo lento.- Migliora la termoregolazione (ottimo per l'estate)- Migliora il sistema locomotore- Diminuisce la frequenza cardiaca (alleniamo il cuore a salire meno con i battiti)- Aumenta la quantità dei mitocondri nelle cellule- Aumenta la gittata cardiaca- Aumenta la capillarizzazione- Una parte di fibre rapide si trasforma in fibre lente (buono soprattutto per chi corre dalla mezza maratona in su)- Fa dimagrire, anche e soprattutto i principianti----------------------Seguimi!Canale Telegram: https://t.me/da0a42Instagram:

READ MORE

Listen on: